Una nuova opera nel cuore dell’Etiopia

Una nuova opera nel cuore dell’Etiopia

postato in: Africa, Missioni | 0

Una nuova presenza sta nascendo nella zona del Guraghe, a sud-ovest della capitale Addis Abeba.
Il 29 settembre 2015 le prime due Figlie di Maria Ausiliatrice sono arrivate a Gubrye e hanno iniziato a collaborare con la Parrocchia di Attat e la Diocesi di Emdibir per la pastorale degli universitari e nella scuola primaria.

Il progetto, elaborato in stretta collaborazione con il Vescovo di Embidir Mons. Musie Ghebreghiorghis, si inserisce e si integra in un più ampio programma di intervento sociale che vuole contribuire al miglioramento e al conseguimento della pari dignità e dei diritti che in quest’area spesso sono negati.

I lavori di costruzione del salone multiuso, che hanno preso avvio nel mese di marzo 2017, sono finanziati dalla Conferenza Episcopale Italiana con i fondi dell’otto per mille.

È il primo passo verso la realizzazione della nuova presenza delle Figlie di Maria Ausiliatrice in questa zona. Il Centro una volta terminato avrà anche un ostello per le ragazze dei villaggi più lontani, un centro giovanile, un’area dove poter coltivare e realizzare attività di produzione e vendita perché le donne possano apprendere ad autosostenersi anche con l’aiuto del microcredito.

La scelta di incominciare la fondazione dal Salone Multiuso è stata pensata proprio per poter avviare quanto prima attività un po’ per tutte le fasce di destinatari previsti per non dover attendere i tempi lunghi di realizzazione della costruzione completa che non vanno d’accordo con l’urgenza e il desiderio di offrire quanto prima opportunità e speranza a chi ne ha bisogno.

La struttura vorrebbe diventare:

  • Un punto di incontro e di formazione per i giovani (molto numerosi per la presenza di una grande università), ma anche per le donne e per i rappresentanti della comunità dove si possano riunire per approfondire temi quali la parità di diritti tra uomini e donne, la prevenzione della violenza domestica, la cura dei bambini in particolare e della famiglia in generale, il rispetto della persona e dell’ambientale.
  • Un luogo di aggregazione e socializzazione dove gli adolescenti possono avere momenti e attività a loro dedicate per dialogare, confrontarsi e scambiare le loro esperienze contribuendo così alla loro formazione integrale.
  • Un ambiente educativo per bambini e ragazzi che offra loro percorsi di recupero scolastico, formazione, attività per le diverse fasce di età.
  • Un centro formativo per le donne, dove apprendere le competenze di base per migliorare la loro autonomia.